SpiderTruman: su Facebook i segreti della casta di Montecitorio in un web-thriller virale

SpiderTruman: su Facebook i segreti della casta di Montecitorio in un web-thriller virale

News

Bufala? Strumentalizzazione? Cospirazione? Debunker, giornalsti, blogger si stanno dando da fare per capire chi si nasconda dietro l’operazione SpiderTruman. Montecitorio diventa il teatro di una spy-story dove il nostro eroe mascherato promette di rivelare compromettenti documenti della casta alle migliaia di fan di Facebook che crescono al ritmo di 1.500 al minuto. Questa storia comincia il 14 Luglio 2011, nella ricorrenza della presa della Bastiglia.

Fidarsi o meno, questo è il problema, le riflessioni su “I Segreti della Casta” si fanno sempre più interessanti, lo dimostrano gli articoli di Valigia Blu (www.valigiablu.it), Il Nichilista (ilnichilista.wordpress.com), Giovanna Cosenza (giovannacosenza.wordpress.com)

Condividiamo le perplessità circa l’inesperienza del precario con Facebook, Twitter e i blog che lascia trasparire una potenziale operazione studiata a tavolino. Mania di protagonismo? Sabotaggio Culturale? Net Art? In molti temono di trovarsi al gran finale con dei banner per l’acquisto di un set di pentole.

La tela di SpiderTruman ha tuttavia catturato nel posto giusto al momento giusto la rabbia e la voglia di riscatto di centinaia di migliaia di persone che hanno visto una manovra finanziaria lacrime e sangue che non ha minimamente sfiorato i costi e gli sprechi della politica italiana.

Spider Truman potrebbe derivare dalla fusione di Spiderman e Tru(e); in una traduzione da veri cospiratori potrebbe voler dire L’uomo della Rete (tela del ragno, web) che vi racconta la Verità (True); soltanto sulla rete possiamo trovare la verità. Se fosse così potremmo anche soprassedere sul fatto che le informazioni pubblicate sulla pagina Facebook non sono affatto come i cablogrammi di Wikileaks. L’ormai stra-citato libro ‘La Casta’ di Stella e Nervo ha già raccontato tutto sulla ‘cleptocrazia’ della politica italiana.

Stiamo assistendo alla creazione di modelli di viralità mitopoietica, come nel caso del Conad di Pomigliano o del blog A Gay Girl in Damascus, che lasciano sbigottiti soprattutto i professionisti dell’informazione e della comunicazione.

La credibilità della notizia viene mediata dalla fiducia nei like dei propri amici. Verità e finzione finiscono per confondersi. A breve SpiderTruman il Film, gli Action Figure e la canzone dedicata ai precari di Montecitorio.